Jess ci presenta il suo colorato EP “sola a casa e altri sbatti”

  1. Ciao Jess e benvenuta! Come descriveresti il tuo EP “sola a casa e altri sbatti” in tre parole? Ciao! Direi intimo, onesto, emotivo.
  2. Qual è il significato dietro il titolo dell’EP e come si collega alla tua esperienza creativa?
    Parlo di ricordi, esperienze e stati d’animo che mi invadono quando rimango a casa da sola e chiudo fuori dalla porta tutte le distrazioni, gli impegni e la gente, rimanendo così sola con le mie emozioni. La mia radice creativa risiede proprio in questo stato di solitudine e calma.
  3. Puoi condividere un aneddoto interessante o significativo legato alla creazione di uno dei brani dell’EP?
    L’ultima canzone, Saturno, è un insieme di frasi belle e utili che mi sono sentita dire nella vita dalle persone che mi vogliono bene davvero. Le ho collezionate e messe insieme per dare vita a una canzone che potesse accorrermi in aiuto quando ne avessi avuto il bisogno.
  4. Qual è il significato emotivo dietro il brano “barattolo” e come la tua esperienza personale ha influenzato la sua creazione?
    Barattolo parla della perdita di mia nonna, una persona importantissima nella mia vita. Chiaramente la sua creazione è ispirata totalmente alla mia esperienza personale. Prendo spunto da un oggetto che mi ha lasciato per parlare di tutto il resto, che poi fondamentalmente è la mancanza.
  5. Come è nata “Sbatti”?
    Questa canzone è nata in un momento in cui mi sono accorta e ho preso atto del fatto che la vita da adulti a tratti è davvero molto noiosa. Volevo semplicemente congelare questo concetto anche per smuovermi da lì.
  6. Una persona a caso” ha l’intensità di un brano sanremese. Qual è stata la miccia che ha reso questa canzone così intensa?
    Intanto grazie per questo complimento! La sua miccia è la paura di non essere per nulla speciale e che la persona amata se ne possa rendere conto. In sostanza, non è altro che un’amorosa sindrome dell’impostore messa in musica.
  7. Cosa ti ha ispirato a partecipare al contest musicale “Back to Talent” e cosa significa per te aver vinto?
    Non potevo non partecipare, un contest musicale per artisti milanesi…dovevo esserci per forza! Vincere è stata un’emozione unica. Darò vita a un mio concerto con la mia visione in un grande teatro di Milano, la cosa mi eccita moltissimo, non vedo l’ora!
  8. Qual è stata la sfida più grande che hai affrontato durante la creazione di questo EP?
    Sicuramente la parte in cui ho dovuto costruire insieme al mio producer Ledo il mondo musicale di ogni canzone e le atmosfere che avevo in testa. Ogni canzone è a sè e ha bisogno di un universo unico. È stato un processo lungo e divertente, ma sicuramente è stata anche una grande sfida per noi.
  9. Guardando al futuro, ci sono collaborazioni o progetti che sogni di realizzare nella tua carriera musicale?
    Ora punto ai live. Voglio suonare la mia musica in giro il più possibile, questo è l’obiettivo principale dell’anno nuovo e nuova musica sicuramente.