L’irresistibile artista francese Marina Kaye ci presenta il suo album “Heavenbound”

  1. Benvenuta a questa esclusiva intervista, Marina! Come descriveresti l’evoluzione del tuo nuovo album, “Heavenbound,” esplorando vari aspetti dell’amore?

Ho iniziato a scrivere questo album nel 2018 senza nemmeno rendermene conto e avevo una visione molto tossica dell’amore a quel tempo. Poi è arrivato il Covid e ho smesso di scrivere per un po’ fino alla fine del 2021, quasi ho smesso la musica durante quel periodo perché sentivo che nessuno capiva veramente cosa stessi cercando di esprimere attraverso la mia musica, ma ho avuto questo incontro con un editore e mi ha detto “se non hai niente da perdere, questo è il momento perfetto per chiamare i tuoi co-autori preferiti e scrivere canzoni” e questo è esattamente ciò che ho fatto.

  1. Quali sono i luoghi in cui è stata scritta questa canzone?

Heavenbound è stata scritta a Ginevra con Nina Woodford e Mathias Andermo ed è stata prodotta a Parigi da Yaacov e Meir Salah.

  1. Heavenbound” si apre con la traccia omonima, che ha ottenuto grande successo. In che modo questa canzone ha influenzato il tono complessivo dell’album?

In realtà non l’ha fatto perché è stata una delle ultime canzoni che ho scritto per questo album. Ci sono canzoni che sono state scritte nel 2018. Sono cresciuta davvero con questo album, Heavenbound era solo la rappresentazione di come mi sentissi nel 2021.

  1. In “What If,” affronti l’amore come una battaglia. Come questa prospettiva si riflette nell’intero universo musicale di Marina Kaye?

Pensavo che l’amore fosse basato su lotte quotidiane, ansia e violenza. Perché quella è l’immagine con cui sono cresciuta. Le mie relazioni erano caotiche quanto la mia visione e ad un certo punto ho capito che ero sbagliata e ho iniziato a vedere le cose in modo diverso. È stato allora che la mia vita ha preso una svolta. Ho deciso che volevo sperimentare un amore vero, a cominciare da me stessa.

  1. Dark Magic” offre un’esperienza elettronica intensa. Come questa traccia cattura l’intensità dell’amore vissuto a tutta velocità?

Dark magic è una canzone molto introspettiva in cui ammetto di poter essere molto tossica io stessa. Volevo fare una canzone che le persone potessero apprezzare sia dal punto di vista dei testi che musicalmente e Yaacov e Meir (i produttori) mi hanno aiutato a trovare il suono perfetto.

  1. Ghosts” sembra esplorare emozioni più morbide. Qual è il messaggio che stai cercando di trasmettere attraverso questa traccia apparentemente delicata?

Ho scritto questa canzone in un momento molto basso della mia vita. Si tratta di questa parte di me che non riesco sempre a controllare. A volte prende il sopravvento e sono qui a testimoniare il caos che lascia dietro di sé, l’ho scritta all’inizio del 2021.

  1. Why Do The Bad Things Feel Good?” interroga la dualità dell’amore. Puoi condividere ulteriori dettagli sull’ispirazione dietro questa canzone ispirata a Woodkid?

Volevo esprimere come ti senti quando sai che non stai frequentando la persona giusta, ma ti fa comunque sentire bene. Sai che la tua relazione non va da nessuna parte ma ti fa comunque sentire bene, quindi stai essenzialmente godendo del tuo stesso declino. L’ho scritta con Autumn Rowe, una delle mie co-autrici preferite con cui lavorare, è così talentuosa. Abbiamo anche scritto una canzone chiamata Sounds like heaven nel mio primo album, dovresti darci un’occhiata!

  1. The Beast” è descritta come un inno alla fragilità dell’amore. Come questa traccia cattura la delicatezza e l’incandescenza dell’amore?

The beast è una canzone molto vulnerabile. Fondamentalmente sto chiedendo a qualcuno “pensi di poter gestire il mio lato folle? Davvero? Se sei abbastanza forte sarà un viaggio insieme infernale, ma se non lo sei, allora dovresti stare lontano da me”.

  1. The Case Of Me” sembra essere una composizione toccante. Come hai vissuto il processo creativo di questa traccia aperta?

È stato difficile. Molto difficile. Ho pianto molto durante questa sessione. The case of me è la realtà dietro il sorriso che metto, è una delle canzoni più vulnerabili che abbia mai scritto.

  1. The Freedom in Goodbye (Let it go)” esplora il tema del lasciar andare nell’amore. Come questa canzone esprime accettazione nel contesto dell’amore?

The freedom in goodbye è un inno per chiunque sia stanco di aggrapparsi a qualcosa (o qualcuno) che non gli serve più. Ad un certo punto, che ti piaccia o no, devi lasciar andare certe cose, certi luoghi, certe persone, è l’unico modo per passare al capitolo successivo anche se può essere terribilmente doloroso.

  1. You” celebra l’evidente incontro nell’amore. Come questa canzone riflette l’apprendimento dell’amore e le lezioni tratte dalle esperienze passate?

Ho scritto You pochi giorni dopo aver incontrato mio marito. Abbiamo avuto questa connessione istantanea e mi ha fatto capire che ogni relazione precedente a lui era una lezione necessaria per arrivare a lui e alla purezza dell’amore che condividiamo insieme.

  1. Sei consapevole che qui in Italia molte persone ti conoscono e parlano bene di te, compreso me stesso? Ti piacerebbe esibirti qui?

Non ne avevo idea! Questo è un grande complimento. Sono così felice di saperlo. Mi piacerebbe tanto esibirmi in Italia!