La magia di Aisha Badru nel suo nuovo EP “Learning to love Again”

  1. Buongiorno e benvenuto a “Gli Artisti della Critica”! Come stai e come stai vivendo questa primavera? Devo dire che la tua musicag è arrivata qui in Italia!

Grazie per avermi qui. Nel mio giardino stanno crescendo molti bei fiori questa primavera, il che rende tutto luminoso, nuovo e pieno di speranza.

  1. Puoi raccontarci l’ispirazione dietro il tuo nuovo EP ‘Learning To Love Again’?

Mi sono resa conto di avere dei sentimenti residui da una rottura avvenuta anni fa. C’erano emozioni irrisolte che mi impedivano di aprirmi completamente per ricevere e dare amore. L’EP ‘Learning To Love Again’ è la chiusura di quel capitolo di incapacità di andare avanti.

  1. Come descriveresti il suono generale e i temi esplorati nell’EP?

I principali temi esplorati in questo disco sono la responsabilità, l’amore per sé stessi e la guarigione. La produzione di alcune delle tracce è un po’ diversa da ciò a cui la gente è abituata da me, ma il suono di base e il messaggio nei testi sono comunque molto Aisha.

  1. Cosa ti ha motivato a collaborare con diversi produttori per ogni traccia dell’EP?

Volevo spingere i limiti di come la gente mi percepisce e allo stesso tempo è stato molto liberatorio uscire dal mio solito suono.

  1. Potresti condividere alcune idee sul processo creativo dietro la canzone ‘Lazy River’ e la sua importanza per te?

Ho conosciuto un musicista molto talentuoso su Instagram di nome McGilvry Allen. Anche se non ci siamo mai incontrati di persona, abbiamo scritto insieme questa canzone. Lui ha composto la chitarra, mi ha inviato una registrazione audio e poi ho scritto i testi. Internet permette di collaborare con persone in tutto il mondo con cui forse non avresti mai avuto l’opportunità di suonare altrimenti.

  1. ‘Move’ unisce elementi meditativi e di danza. Cosa ti ha portato a combinare questi stili musicali contrastanti?

La combinazione di meditazione e danza mi ricorda molto l’arte marziale cinese Tai Chi. Il Tai Chi unisce movimento e meditazione e questo concetto ha avuto un grande impatto sulla mia vita. È importante che la mente sia libera dallo stress e ho imparato nel corso degli anni che il movimento può essere un modo così potente per aiutare a liberare quello stress. Questa canzone è un’incarnazione di questa filosofia.

  1. Puoi parlare dell’importanza di ‘Inside’ e del suo messaggio di amore per sé stessi?

Come ci sentiamo riguardo a noi stessi è il substrato dal quale cresce tutto il resto e quindi penso che sia la cosa più importante da nutrire. ‘Inside’ è una di quelle canzoni che spero le persone si rivolgano quando si sentono giù riguardo a se stesse.

  1. Come la tua esperienza musicale e la tua crescita personale hanno influenzato la direzione di questo EP?

Le mie prime canzoni erano spesso riguardo a come qualcun altro mi faceva sentire e ora prendo la piena responsabilità di come mi sento riguardo a me stessa. L’autoresponsabilità e la consapevolezza di sé sono la spina dorsale di questo EP.

  1. Qualsiasi messaggio che vorresti condividere con i tuoi fan?

Spero che vi piaccia questo nuovo EP e sono entusiasta di condividere che al momento sto lavorando a un progetto che potrebbe essere un album completo.