La star mondiale Íñigo Quintero ci presenta l’EP “Es Solo Música”

Benvenuto, Iñigo! Il tuo primo EP “Es Solo Música” contiene il singolo “Si No Estás” che ha raggiunto la prima posizione nella Global Chart di Spotify. Cosa significa per te questo risultato e come ha influenzato la tua carriera artistica?

Raggiungere il primo posto nella Global Chart di Spotify con “Si No Estás” è stato davvero incredibile e inaspettato. Significa che la mia musica sta arrivando a molte persone in tutto il mondo e che sta creando una connessione con loro. Ha dato una forte spinta alla mia carriera, incoraggiandomi a continuare a comporre e condividere la mia musica.

Il titolo “Es Solo Música” suggerisce che la musica è al centro del tuo lavoro. Puoi parlarci di come la musica ti aiuta a esplorare ed esprimere i tuoi pensieri ed emozioni più profondi?

La musica mi permette di esplorare ed esprimere emozioni e pensieri che a volte sono difficili da mettere in parole. Con la mia voce e il pianoforte posso trasmettere esperienze personali e connettermi con il pubblico in modo molto personale.

La canzone “Desconocido” è considerata il cuore di questo EP. Puoi parlarci del significato di questa canzone e di come rappresenta l’essenza dell’EP?

Va molto legato al concetto di “Es Solo Música”. Quando iniziò tutto il fenomeno di “Si No Estás”, un buon amico mi disse un giorno: “Tranquillo, è solo musica”. Questa frase mi ha aiutato a mantenere i piedi per terra in ogni situazione, sia positiva che negativa. “Desconocido” segue questa linea, poiché non ho mai cercato la fama, il mio obiettivo è sempre stato condividere la mia musica e godermela.

Hai presentato l’EP in Spagna e stai portando il tuo tour in diverse capitali europee. Come ti senti riguardo alla possibilità di condividere la tua musica con un pubblico internazionale?

Non lo avrei mai immaginato… davvero è straordinario e mi sento molto supportato dal pubblico. È sorprendente vedere persone che parlano un’altra lingua cantare le tue canzoni. Mi sento molto grato per questo.

“Es Solo Música” è prodotto da Paco Salazar. Com’è stata la collaborazione con lui e quali sono stati i momenti salienti della produzione dell’EP?

Lavorare con Paco Salazar è stata un’esperienza meravigliosa. È un produttore talentuoso e creativo con cui ho potuto collaborare strettamente per dare vita alle mie visioni musicali. I momenti più salienti sono stati quando le nostre idee si allineavano perfettamente e vedevamo come le canzoni prendevano vita in studio.

Il tuo EP mostra un mix di sentimenti profondi e melodie accattivanti. Come riesci a bilanciare questi due elementi nella tua musica?

Grazie mille. La mia intenzione quando compongo è che le mie canzoni arrivino alle persone, ma anche che siano attraenti musicalmente. Mi capita di comporre quando sono più nostalgico, e questo probabilmente fa sì che le mie canzoni risultino emotive. Allo stesso tempo, do molta importanza alla musica e alla produzione, non solo ai testi. È un equilibrio delicato, ma cerco di mantenerlo.

Quali sono le tue principali influenze musicali e come hanno contribuito a plasmare il tuo stile unico?

Mi ispirano molto artisti come Dani Fernández e James Arthur, ma cerco di ascoltare vari generi musicali per arricchirmi.

Nel tuo EP ci sono diverse canzoni come “Nada Cambia”, “El Equilibrio” e “Lo Que Queda de Mí”. Puoi condividere con noi le ispirazioni dietro queste tracce?

Le mie canzoni parlano di sentimenti molto umani, cose della vita di tutti i giorni che mi accadono personalmente e accadono a tutti. Affronto sentimenti, riflessioni, dubbi, cose o persone che ci ispirano…

Il tuo singolo di successo “Si No Estás” ha conquistato il pubblico di tutto il mondo. Puoi raccontarci la storia dietro questa canzone e come è stata accolta dai fan?

Credo che la chiave di “Si No Estás” sia che ognuno possa interpretarla a suo modo. Questo è probabilmente uno dei fattori che ha permesso alla canzone di raggiungere così tante persone. Mi piace vedere che le persone la dedicano a un essere caro o a qualcuno di cui sentono la mancanza. Tutti i significati che le sono stati attribuiti mi sembrano belli e arricchiscono la canzone.

Qual è il tuo processo creativo quando componi musica e scrivi testi? Hai una routine specifica o un metodo particolare?

Normalmente creo prima la melodia al pianoforte e voce e poi scrivo il testo. Questo è il modo che mi viene naturale. In questo modo riesco a dare importanza a ogni aspetto al momento giusto.

Sei una giovane stella in ascesa nel panorama musicale internazionale. Quali sfide hai affrontato e quali consigli daresti ai giovani artisti che cercano di emergere?

All’inizio è stato difficile gestire tutto. In quel periodo, mi sono ripetuto: “È solo musica.” È la frase che mi ha accompagnato di più in questi mesi e che direi a qualsiasi giovane artista. Davanti alle critiche, prendi tutto con leggerezza, poiché stai solo facendo musica, e lo stesso vale per i complimenti. In questo modo riesci a mantenere un equilibrio e a concentrarti sull’importante, ovvero creare buona musica e connetterti con il pubblico.

Infine, cosa possiamo aspettarci da te in futuro? Hai già progetti o collaborazioni in mente per continuare la tua carriera musicale?

Per ora sono impegnato con la band e sono entusiasta di portare in tour il nuovo EP. Saremo presenti a festival come il FIB (Benicàssim), Rock in Rio (Portogallo), North Festival (Portogallo), Tinderbox (Danimarca) e altri ancora da confermare. Inoltre, continuo a comporre per poter condividere nuova musica in futuro, ma non ho ancora nulla di definito. C’è ancora molta vita in “Es Solo Música.”