Ocie Elliott: “What remains” il nuovo EP

Ocie Elliott il duo di Victoria, British Columbia formato da Jon Middleton e Sierra Lundy rilasciano il nuovo EP “What remains”.

  • Hello guys and welcome to Gli Artisti della Critica! How are you feeling right now and what’s the weather like there? 
  • Ciao ragazzi e benvenuti a Gli Artisti della Critica! Come vi sentite in questo momento e com’è il tempo lì? 

Is it a good time for you to make some new music? Hello! We are feeling quite well! Currently stuffed into a van travelling across the U.S.A.. The sun is shining and it is warm. At this exact moment, being in a tour van, it’s not exactly the best time to make new music 🙂 But the landscape we’ve driven through has been remarkably inspiring, and we do plan to spend time post-tour to work on new music. 

È un buon momento per fare nuova musica? Ciao! Ci sentiamo abbastanza bene! Al momento siamo stipati in un furgone in viaggio per gli Stati Uniti. Il sole splende e fa caldo. In questo preciso momento, essendo in un furgone da turismo, non è esattamente il momento migliore per fare nuova musica 🙂 Ma il paesaggio che abbiamo attraversato è stato di grande ispirazione e abbiamo intenzione di dedicare del tempo al lavoro su nuova musica dopo il tour. 

  • I’ll admit it, I was enchanted by your EP “What Remains” because as soon as I played it I felt like a quet was growing faster and faster inside me. Was this record made for this specific feeling? 
  • Lo ammetto, sono rimasto incantato dal vostro EP “What Remains” perché appena l’ho ascoltato ho avuto la sensazione che un quet crescesse sempre più velocemente dentro di me. Questo disco è stato realizzato per questa specifica sensazione? 

That’s nice to hear. I wouldn’t say it was made specifically to evoke that feeling, but it comes from that kind of place of quietude. A lot of our work does. When we write and work on music, there is definitely a certain feeling that we tend towards, one that is calming and energizing at the same time.

Mi fa piacere sentirlo. Non direi che è stato realizzato appositamente per evocare quella sensazione, ma viene da quel luogo di quiete. È così per molti dei nostri lavori. Quando scriviamo e lavoriamo sulla musica, c’è sicuramente una certa sensazione a cui tendiamo, una sensazione che è calmante ed energizzante allo stesso tempo.

  • How did you work on the production of the songs? 
  • Come avete lavorato alla produzione delle canzoni? 

We worked with our good friend Jonathan Anderson. The production was purposely stripped back for this one, as we felt that the songs had a plaintive, emotional tone that would benefit from being laid a bit more sonically bare.

Abbiamo lavorato con il nostro buon amico Jonathan Anderson. La produzione è stata volutamente ridotta, perché abbiamo ritenuto che le canzoni avessero un tono semplice ed emotivo che avrebbe beneficiato di una maggiore pulizia sonora.

  • One song that really struck me was “What Remains”… what is that about? 
  • Una canzone che mi ha colpito molto è stata “What Remains”… di cosa parla? 

Initially it was written about losing a romantic love. We wrote the lyrics using our own personal experiences and drew from our imagination as well. However, once the song was written it took on another meaning. I (Jon) had initially imagined that the song could also be heard and felt as an ode to someone close who had passed away. Sadly, shortly after we started working on the song, Sierra’s dad was diagnosed with and passed away from cancer very quickly. The song now holds more of that feeling for us. 

Inizialmente è stata scritta sulla perdita di un amore romantico. Abbiamo scritto il testo usando le nostre esperienze personali e attingendo anche alla nostra immaginazione. Tuttavia, una volta scritta, la canzone ha assunto un altro significato. Inizialmente io (Jon) avevo immaginato che la canzone potesse essere ascoltata e sentita anche come un’ode a una persona cara che era venuta a mancare. Purtroppo, poco dopo aver iniziato a lavorare alla canzone, al padre di Sierra è stato diagnosticato un cancro ed è morto molto rapidamente. Ora la canzone ci ricorda ancora di più questo sentimento. 

  • You often use poetic language in your songs… What’s your favorite piece of poetry? 
  • Lei usa spesso un linguaggio poetico nelle sue canzoni… Qual è la sua poesia preferita? 

In all honesty, neither of us are big into reading poetry. I love the lyrics of Bob Dylan, who is most definitely a poet. My favourite lyrics of his are from the song ‘It’s Allright Ma (I’m Only Bleeding). Sierra is deeply moved and inspired by him as well, and maybe even more so by Leonard Cohen.

In tutta onestà, nessuno di noi due ama leggere poesie. Io amo i testi di Bob Dylan, che è sicuramente un poeta. Le sue parole preferite sono quelle della canzone “It’s Allright Ma (I’m Only Bleeding)”. Anche Sierra è profondamente commossa e ispirata da lui, e forse ancora di più da Leonard Cohen.

  • How was “Baby, You Know” born? 
  • Come è nata “Baby, You Know”?

The song actually came from the ending refrain of a song sketch I (Jon) had recorded on my iPhone. This refrain contained what became the chorus of ‘Baby, You Know’.  The song is a pretty simple love song, about falling in love other with and appreciating the one you are with.  

La canzone nasce in realtà dal ritornello finale di uno sketch di una canzone che io (Jon) avevo registrato sul mio iPhone. Questo ritornello conteneva quello che poi è diventato il ritornello di “Baby, You Know”.  Si tratta di una canzone d’amore piuttosto semplice, che parla dell’innamoramento e dell’apprezzamento della persona con cui si sta. 

Nicholas Tasin