La magnetica Brooke ci presenta il nuovo singolo “Traitor”

  1. Domanda: Benvenuta, Brooke! Grazie per essere con noi oggi. Partiamo con il tuo nuovo singolo “Traitor”. Potresti dirci di più sull’ispirazione dietro la canzone e sul messaggio che speri di trasmettere? Risposta: Ciao, grazie per avermi qui! “Traitor” parla di proteggere il proprio spazio e la propria energia quando qualcuno ha oltrepassato un limite. Riguarda far sapere a qualcuno che non può trattarti male e tagliare i rapporti con una persona negativa nella tua vita che si era finta positiva.
  2. Domanda: Il tuo singolo “Traitor” è descritto come un inno pop R&B con empowerment femminile e atteggiamento. Come hai approcciato la produzione e i testi per ottenere questo tono? Risposta: Penso che il modo più importante per trasmettere il messaggio accuratamente sia dirlo come sta. Essere diretta e dire esattamente quello che direi in conversazione perché è così che è iniziata la canzone. Ero in sessione con il mio manager Lamour, i miei due produttori Seppy e Mace, e stavamo discutendo di una situazione riguardante qualcuno che aveva fatto qualcosa che non avrebbe dovuto fare. Dal punto di vista della produzione, era importante entrare con corni audaci e percussioni taglienti per introdurre l’energia feroce.
  3. Domanda: La produzione basata sulla chitarra richiama artisti degli anni ’90 come TLC. Cosa ti ha attirato verso questo suono e come lo combini con influenze contemporanee? Risposta: Sono cresciuta ascoltando R&B degli anni ’90, quindi c’è una forte influenza di questo nella mia musica in generale. Adoro che sia uno spazio in cui le donne possono essere fieri, senza scusarsi e un po’ diva. Canto nel mio accento e nel vocabolario che userei tutti i giorni, quindi penso che questo dia automaticamente un tocco moderno e britannico.
  4. Domanda: Sei stata paragonata a superstar moderne come Raye e Jorja Smith. Come ti senti riguardo a questi paragoni e come trovi il tuo spazio unico nell’industria musicale? Risposta: Essere paragonata a tali artisti è un grande complimento, entrambe hanno tracciato la loro strada nel mondo dell’R&B Pop nel Regno Unito, abbattendo molte barriere. Per quanto riguarda la mia strada, avere influenze provenienti dal crescere nel Midlands/Nord ha sicuramente influenzato il mio approccio alla musica e alla scrittura in modo unico.
  5. Domanda: Come hai iniziato nella musica e cosa ti ha portato a perseguire una carriera nell’industria? Risposta: Sono cresciuta in una casa molto musicale e mio padre era anche un cantante. Ricordo di essere stata molto piccola e di sedermi nelle sue prove di band e di essere affascinata da ciò che stava accadendo. Non c’è mai stato un momento in cui ho pensato “voglio essere una cantante quando sarò grande”. Lo ero e lo sarò sempre. Quando sono cresciuta un po’, mia madre finalmente ha potuto permettersi di prendere lezioni di pianoforte che ha sempre voluto e le ha sacrificato per farmi imparare. Questo è diventato anche un elemento importante nella mia musica, nella scrittura di canzoni e nelle performance dal vivo. Ho iniziato a costruire la mia carriera non appena ho lasciato il college, ho lasciato il lavoro e ho iniziato a fare busking a tempo pieno. Poi ho incontrato il mio amico ADMT a un open mic e lui ha inviato un video di me al suo manager, che a sua volta è ora il mio manager. Da allora non mi sono più guardata indietro.
  6. Domanda: Hai ricevuto attenzione da BBC Introducing. Quale impatto ha avuto questo sostegno sulla tua carriera? Risposta: È fantastico non solo per me, ma per il mio team vedere il riconoscimento per gli anni che abbiamo trascorso scrivendo queste canzoni.
  7. Domanda: Stai per iniziare un tour, supportando ADMT per tutto aprile 2024. Cosa aspetti con più impazienza del tour e come ti prepari per le esibizioni dal vivo? Risposta: Non vedo l’ora di condividere la mia musica e di connettermi con nuovi fan. Anche lavorare e passare del tempo con alcune delle mie persone preferite per un mese è una benedizione. Ci siamo preparati con prove senza sosta per essere coerenti su come ci esibiremo insieme (io e il mio DJ). Abbiamo anche avuto discussioni su che tipo di spettacolo vogliamo offrire e su come vogliamo che le persone percepiscano me e la mia musica. Tutto inizia con conversazioni e discussioni!
  8. Domanda: Suonerai il tuo primo spettacolo a Londra a Scala e ti esibirai al The Great Escape Festival a maggio. Come ti senti riguardo a questi spettacoli in arrivo e cosa possono aspettarsi i fan? Risposta: Non riesco a spiegare la mia eccitazione per questi spettacoli. Tutti possono aspettarsi una serata di balli, cantare insieme a vibrazioni acustiche e immergersi in un nuovo mondo di empowerment.
  9. Domanda: Come descriveresti il tuo suono e stile complessivo? Quali elementi consideri essenziali per la tua musica? Risposta: Lo descriverei come R&B Pop con abbinamenti di moda audace, inclusi molti abiti personalizzati lavorando con un marchio chiamato “The Jibbin Collection”. Penso che la moda giochi un ruolo importante nella mia personalità sul palco, che è sicuramente una versione di me che non emerge molto nella mia vita quotidiana haha. È un po’ una diva! Mi piace incorporare suoni più scuri e strani nelle mie canzoni per dare una sensazione di grandezza e potenza.
  10. Domanda: I tuoi testi spesso riflettono temi di empowerment e atteggiamento. Come canalizzi questi temi nella tua musica e cosa speri che gli ascoltatori traggano dalle tue canzoni? Risposta: Penso che la performance vocale durante la registrazione sia la ragione principale per cui la mia musica ha atteggiamento. Mi prendo un minuto prima di registrare o di salire sul palco, e mi metto in modalità personaggio. Non parlo con nessuno e nessuno parla con me haha. Spero che le persone prendano il messaggio che dovrebbero essere la migliore versione di sé stesse sempre. Che dovremmo stare tutti insieme, con tutti i nostri difetti, ed essere la nostra versione più potente.
  11. Domanda: Potresti parlarci di eventuali progetti o collaborazioni in arrivo di cui sei entusiasta? Risposta: Ho un EP in uscita quest’anno, che non vedo l’ora di condividere con il mondo. Inoltre, farò il mio primo spettacolo da headliner dalla pubblicazione delle mie canzoni a un certo punto.
  12. Domanda: Come bilanci la tua eredità inglese e zimbabwana nella tua musica, e quale influenza ha questo background culturale sul tuo lavoro? Risposta: La mescolanza tra essere cresciuta nel Regno Unito ma anche in una famiglia molto zimbabwana ha avuto un grande impatto sulla mia musica. La musica, il cibo e il ballo alle feste di famiglia crescendo hanno portato un diverso livello di energia e passione nella mia musica, specialmente nelle performance dal vivo. Sono sempre stata incoraggiata a ballare e a non avere paura di farmi conoscere.
  13. Domanda: Infine, quale consiglio daresti agli artisti aspiranti che stanno appena iniziando nell’industria musicale? Risposta: Scrivi il più possibile. Fai almeno una cosa ogni giorno che ti aiuterà a progredire come persona e nella tua musica. Trovare persone che credono in te come persona e come artista prima di iniziare il tuo viaggio musicale è particolarmente utile e speciale per costruire qualcosa insieme. Inoltre, prendersi cura della propria salute è così importante. Tutto ha un effetto sulla tua voce, sulla tua scrittura e sulla tua musica. Mangia cibo sano, dormi bene e rimani in forma!